• Consumiamo le calorie derivanti dai carboidrati prima di quelle dei grassi, e proprio come una persona affamata consuma la fonte di cibo a lei più vicina, il corpo umano consuma sempre la fonte più facilmente convertibile in energia. È facile per il corpo convertire rapidamente i carboidrati in energia grazie alla loro struttura molecolare semplice. Questo è il motivo per cui desideriamo mangiare carboidrati quando non mangiamo da un po’ o subito dopo aver fatto esercizio fisico intenso. Al contrario, le molecole di grasso sono più complesse e richiedono maggiore sforzi e tempo per essere convertiti in energia (o bruciato).SHUTTERSTOCK_95021029_Huge
  • Il nostro corpo ci dice di cercare altro cibo prima di utilizzare le riserve immagazzinate, perciò quando abbiamo bisogno di energia di solito abbiamo fame di carboidrati molto prima che il corpo cominci a bruciare gli accumuli di grasso in eccesso. Mangiamo anche molto più in fretta, ci vogliono in genere 10-15 minuti per sentirsi sazi dal momento in cui ingeriamo cibo. Quando facciamo delle pause tra i bocconi o le portate per digerire il cibo, la fame si placa con la sola quantità di calorie necessarie. Ma quando mangiamo in fretta, spesso pensiamo di avere molta fame e continuiamo a mangiare anche se abbiamo già ingerito più delle calorie necessarie. A volte scambiamo la sensazione di sete con quella di fame e invece che bere acqua cominciamo a mangiare.
  • Il cibo di pronta consumazione fa sì che il nostro metabolismo si stabilizzi al livello più elevato di grassi, cosicché il metabolismo basale giornaliero di calorie aumenta. Se prima si era sazi con 2500 calorie al giorno, ora ci sarà bisogno di circa 3000 calorie per non sentire Fino a quando il cibo è prontamente disponibile e le persone ascoltano il loro stomaco per capire quanto mangiare, il loro peso non cambierà.SHUTTERSTOCK_177319562_Huge
  • Non siamo biologicamente programmati per il tipo di cibo che assumiamo oggi, che è molto diverso da quello del passato e contiene più grassi. I nostri antenati seguivano per lo più una dieta vegetariana a basso contenuto di grassi. Il grasso era così raro e così utile che le nostre papille gustative si sono evolute per desiderarlo.

Oggi, purtroppo, questo desiderio sensoriale viene sfruttato dai fornitori di prodotti alimentari.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO